Perché caschi nella rete del narcisista patologico – Elvino Miali – Psicoterapia e Crescita Personale

Perché caschi nella rete del narcisista patologico

 

Puntare il dito sulla figura del narcisista rischia di non farti focalizzare a sufficienza l’attenzione su di te.

Ti chiedi a volte: ‘Perché li attraggo tutti io? Ho la calamita?”

E nonostante gli anni di esperienza nulla sembra cambiare.

Il narcisista fa scattare in noi risposte automatiche che sono l’eco di schemi appresi durante l’infanzia, almeno nel 50% dei casi.

Ecco i tre schemi più frequenti.

1- Fiducia e sottomissione.
Se da bambino sei stato sfruttato o maltrattato, la tua reazione di fronte a persone offensive e manipolative è quella di sottometterti e obbedire. In passato è stata la cosa migliore che potevi fare per sopravvivere in condizioni ostili, così ora, quando il narcisista vuole di dominarti, tendi a ripetere quell’antico copione.

2- Inadeguatezza e standard severi.
Potrebbe essere il tuo caso se sei cresciuto con la sensazione di essere inadeguato, non amabile o difettoso. Per evitare le critiche, essere accettato ed ambire alla buona considerazione degli altri, hai cercato di fare del tuo meglio per essere considerato un bravo bambino o bambina. Così, per ottenere amore, da adulto hai imparato a fare il bravo.

3 – Abbandono, deprivazione emotiva o autosacrificio.
Aver avuto un genitore troppo debole o depresso, senza sufficienti energie per starti dietro; aver vissuto sulla tua pelle le conseguenze dei conflitti dei tuoi genitori o una separazione o un lutto importante. Sono situazioni che ti hanno portato a non contare sull’aiuto degli altri, sentendoti pure in colpa al solo pensiero di far valere i tuoi diritti.

Se uno di questi schemi ti suona familiare, sappi che esso continuerà a essere la tua risposta automatica al narcisista finché non ci lavorerai seriamente.

E la tua vita, è troppo importante per lasciarla andare alla deriva.

Fai ancora in tempo.

Buon cammino

Torna su