Sicuro di te in tre mosse – Elvino Miali – Psicoterapia e Crescita Personale

Sicuro di te in tre mosse

Le convinzioni di autoefficacia contribuiscono in modo decisivo al miglioramento delle prestazioni personali nei diversi ambiti della propria vita. In questo articolo  voglio darti delle indicazioni e degli strumenti per andare in questa direzione.

In che modo?

Intendo svelarti una delle tecniche di PNL che spesso (e con ottimi risultati!) utilizzo nella mia pratica professionale: il “Cerchio dell’eccellenza”, un esercizio in grado di potenziare significativamente il senso di autoefficacia e contribuire alla propria crescita personale.
Cos’è l’autoefficacia?
Come accennato, la si può definire un meccanismo psicologico legato alla percezione dell’efficacia personale e delle proprie azioni.

Lo psicologo sociale Albert Bandura ha confermato scientificamente, con diversi esperimenti, che le convinzioni di autoefficacia e una valutazione positiva delle proprie potenzialità influiscono in larga parte sulla capacità delle persone di agire con successo nell’ambiente in cui vivono poiché portano a trarre il massimo vantaggio da se stessi e dall’ambiente.

È  abbastanza intuitivo che se ti senti sicuro di potercela fare influenzerai positivamente le tu prestazioni e l’ambiente in cui sei. Questa semplice intuizione rappresenta il potere che possono avere nella tua vita un buon senso di te stesso e la convinzione della tua efficacia.

Forse ti sarai accorto che avere fiducia nelle tue capacità varia da momento a momento e che situazioni stressanti o giornate “no” possono influenzarti in maniera negativa. Questo accade anche in chi solitamente esprime prestazioni di alto livello.

A volte mi viene chiesto se sia possibile cambiare volontariamente il proprio stato d’animo in maniera da aumentare la fiducia in se stessi, anche in modo rapido o addirittura istantaneo.

Ci sono delle credenze abbastanza diffuse sul fatto che non sia possibile o appropriato influenzare volontariamente il proprio stato emotivo senza correre il rischio di negare, sopprimere o incorrere in chissà quali effetti collaterali.
Non nego che in ambito terapeutico bisogna quantomeno tenere in considerazione questa evenienza e calibrare approcci, strumenti e modalità di relazione. Tuttavia, come suggerisce Allen E. Ivey, professore di Counseling all’Università del Massachusset, è molto importante ascoltare i bisogni del cliente e mettere in campo strumenti idonei, efficaci e rapidamente implementabili. “Mi piace pensare – scrive il prof. Ivey – e riflettere sul pensiero, ma il mio interesse per un’esplorazione profonda della condizione umana non è quello che molti clienti, anzi la maggior parte, richiedono o di cui hanno bisogno (…) ritengo che attualmente ogni counselor o terapeuta che non sia in grado di fornire ai propri clienti una terapia breve riveli una preparazione inadeguata.”

Nello scrivere questo articolo, seguendo l’invito di Ivey, mi piacerebbe offrirti uno strumento semplice, efficace e da utilizzare quando vorrai trarre il massimo da te stesso.

Tornando infatti al mio argomento di oggi, come dicevo, spesso non si posseggono gli strumenti per gestire il proprio stato d’animo. La gran parte delle persone al massimo sa che la propria canzone preferita li mette di buonumore. Se è così anche per te o se comunque desideri approfondire questo argomento o fare una breve esperienza della tua capacità di cambiare in modo efficace e in poco tempo il tuo stato d’animo continua a leggere!

Potrai seguire in versione semplificata “Il Cerchio dell’eccellenza”.

Si tratta di un classico esercizio della Programmazione Neurolinguistica formulato da Robert Dilts che può permetterti di accedere rapidamente a stati risorsa, anche quando il senso di fiducia sembra abbandonarti.

Ho effettuato questo esercizio con clienti decine di volte e altrettante nelle dimostrazioni dal vivo nei corsi di formazione. Benché l’abilità dell’operatore possa fare la differenza in alcuni casi, il processo di per sé è così efficace, che anche una persona alle prime armi può trarne beneficio.
Come si fa?

Ecco a te i passaggi chiave in sole tre mosse.

Il primo e decisivo passaggio è con una domanda:
1) C’è uno stato d’animo o una risorsa che riconosci importante per te e che vorresti richiamare a comando quando ti serve?
Se la tua risposta è si sei pronto! Prosegui con me questa breve avventura e sono sicuro che potrai migliorare la tua efficacia. Ecco la seconda mossa alla quale ti chiedo di dedicare qualche minuto di concentrazione:
2) Immagina un cerchio luminoso per terra proprio davanti a te. Quando riesci a visualizzarlo mettici dentro un’immagine grande e luminosa di te stesso. Immagina di essere nella piena espressione della risorsa o stato d’animo che hai precedentemente individuato.

Può esserti d’aiuto, se hai qualche difficoltà a visualizzare questa immagine di te, rievocare un ricordo del passato e riviverlo oppure immaginare una specie di “te stesso ideale”.

Quando ci sei fai la terza mossa:
3) VAI in quel cerchio!

Dandoti il permesso di fare questo passo e incarnare quel te stesso immaginario potrai rivivere te stesso al meglio delle tue possibilità. Quando sei all’interno del cerchio di luce puoi chiudere gli occhi e percepire in tutto il tuo corpo le stesse sensazioni della tua immagine positiva.

Ti consiglio di ripetere le tre mosse del “Cerchio dell’eccellenza” – uscendo e rientrando nel tuo cerchio luminoso – per almeno tre volte in modo da prendere sempre più contatto con quel te stesso immaginario.

Ripetere questa operazione fisicamente, almeno all’ inizio, oppure mentalmente, magari dopo avere preso pieno contatto con il processo che ti suggerito, sono sicuro che potrà esserti utile ogni volta che vorrai realizzare con successo un tuo obiettivo o un’azione per te importante o semplicemente quando desideri accrescere la fiducia in te stesso.

E ricorda: è possibile che rientrando nel cerchio, ogni volta che vorrai, potrai riprovare le sensazioni positive di cui ai bisogno, ricontattare i tuoi stati risorsa e  rivedere quello che vedevi fino immaginare e realizzare te stesso in modo sempre più luminoso.
Questo esercizio è dimostrato e spiegato nelle sue varie applicazioni nel mio videocorso:
“Più successo personale con le tecniche di Coaching e PNL”.

Goditi il percorso.

Dottor Miali
medico psicoterapeuta

a Venezia Mestre e a Padova

 

Torna su