Formulare un piano perfetto – Elvino Miali – Psicoterapia e Crescita Personale

Formulare un piano perfetto

Usare strategie vincenti in un piano vincente!

È questo il quarto segreto della crescita personale di cui voglio parlarti oggi.

Sono sicuro che ciò che ti svelerò potrà essere determinante per te: per il raggiungimento dei tuoi obiettivi e perché tu possa cogliere il massimo da quello che ho già pubblicato su questo blog.

Oggi potrai conoscere il segreto dei segreti:
come fare un piano perfetto!

Voglio essere proprio sicuro che questo articolo sia chiaro e utile per te perciò,  prima di raccontarti parola per parola come dar vita a delle pianificazioni vincenti, farò un elenco sintetico delle strategie inefficaci – dalle quali dovrai stare in guardia! – e uno di quelle efficaci.

Ad una prima lettura potrà sembrarti strano, ma ti assicuro che quelli che sto per elencare sono ingredienti che possono portarti su una cattiva strada della realizzazione dei tuoi obiettivi e della crescita personale.

Ecco l’elenco delle strategie inefficaci:

1.  Basare la propria motivazione sull’esempio di qualcuno che si ammira: una persona di successo o una celebrità

2.  Focalizzarsi sugli aspetti negativi del mancato raggiungimento dei propri obiettivi

3.  Allontanare i pensieri negativi o le paure

4.  Puntare tutto sulla forza di volontà

5.  Immaginare in modo grandioso la propria vita dopo il raggiungimento del proprio obiettivo.

Affermo con sicurezza che queste strategie sono in efficaci a partire da una ricerca sul campo portata avanti da Richard Wiseman. Il suo progetto di ricerca prevedeva un campione di ben 5000 partecipanti ed era orientato a verificare proprio quali strategie sono vincenti e quali no.

Vuoi sapere che cosa è successo?

Queste 5000 persone si erano prefissate obiettivi eterogenei: dall’avanzamento di carriera, a smettere di fumare, migliorare le proprie relazioni; i partecipanti al progetto furono seguiti per un anno e, al termine di quell’anno, solo il 10% del campione aveva raggiunto il suo obiettivo.

È proprio da quella ricerca che furono evidenziate le strategie inefficaci che ho riportato nel mio elenco. Certo, ti confesso che alcune di quelle azioni – se inserite in un piano vincente – potrebbero anche presentare degli aspetti positivi e inaspettati.

Ciò che conta è fare un piano perfetto!

Prima di parlarti del piano però immagino che sei curioso di conoscere anche gli ingredienti vincenti individuati dalla ricerca di Wiseman.

Ecco dunque le strategie che puoi seguire stando sicuro che siano efficaci:

Fai un piano passo dopo passo

  1. Comunica il tuo obiettivo ad altri
  2. Pensa alle conseguenze positive del raggiungimento dell’obiettivo
  3. Lungo la strada verso il tuo obiettivo, premiati per i progressi fatti
  4. Registra i tuoi progressi per iscritto.

Come puoi notare il primo punto è proprio fare un paino passo do passo! Dei 5000 partecipanti alla ricerca chi ha ottenuto un successo aveva infatti formulato un piano scritto fatto di passi e sottopassi.

Ricorda sempre di definire con attenzione – è preferibile per iscritto – i tuoi obiettivi e i sottobiettivi (o obiettivi intermedi) e fai in modo che siano realistici, misurabili e con una data di scadenza.

Da quanto ti ho detto potrà sembrarti più chiaro perché sono così sicuro che il segreto dei segreti sia quello di creare un piano vincente. E forse ti stai chiedendo:

Come deve essere fatto questo piano perfetto?

Ti mostro subito tutti i passi:

Scrivi l’obiettivo generale

Scomponi l’obiettivo in 5 sottopassi e per ciascuno di essi completa le affermazioni che ti propongo:

  1. Il mio sottobiettivo è …
  2. Penso che lo raggiungerò perché …
  3. Per raggiungere l’obiettivo farò … (elenca almeno tre passi in sequenza)
  4. Lo raggiungerò entro il …
  5. Il mio premio sarà …

Fai un elenco di 3 benefici futuri associati al raggiungimento del tuo obiettivo. Puoi chiederti: come migliorerà la mia vita e quella delle persone intorno a me quando avrò raggiunto il mio obiettivo?

Individua delle evidenze sensoriali:

3 particolari visivi,

          2 particolari uditivi,

          3 particolari cenestesici: legati al tuo sentire corporeo.

          Per questi ultimi particolari può esserti d’aiuto dare un nome a quelle sensazioni e attribuirgli un colore, una forma, una temperatura, una consistenza.

Usa la logica del bispensiero:il terzo segreto della crescita personale!

Individua 3 possibili ostacoli e il modo per superarli.

Rendi pubblico il tuo obiettivo e fai un elenco dei modi e dei canali che utilizzerai: amici, lavoro, parenti, blog, e.mail …

Segui questi cinque punti, non trascurare nulla e ti sorprenderai dei risultati!

 Per oggi ti do ancora consiglio: non aspettare oltre, comincia subito a realizzare i tuoi obiettivi e a crescere con essi! E se ti sembra di temporeggiare torna a trovarmi presto: nel prossimo articolo ti svelerò il segreto per smettere di rinviare.

 

1 commento su “Formulare un piano perfetto”

I commenti sono chiusi.

Torna su